CONSIGLI PER UNA CORRETTA MANUTENZIONE DEI MOTORI - 1° PARTE

29 Dec 2011

Il periodo autunno/inverno, per ovvie ragioni di carattere  climatico, coincide nell’immaginario

 

collettivo e purtroppo anche nella testa di molti armatori con quel periodo in cui l’imbarcazione viene quasi “dimenticata” , quasi come se fosse in letargo.

Un buon armatore sa  invece che questo periodo, non rappresenta un “vuoto” fra una bella stagione e quella successiva, ma al contrario rappresenta il periodo ottimale per effettuare quei controlli e quelle normali manutenzioni che consentiranno di godere appieno dell’imbarcazione e di non trovarsi di fronte a brutte sorprese  proprio durante le meritate vacanze.

Noi della M3 Servizi Nautici, importatori ufficiali del marchio Bavaria, ma tra le altre cose anche concessionari ufficiali della Volvo Penta, vogliamo attraverso questo articolo concentrare l’attenzione sui controlli e  sulle operazioni che devono essere eseguite sul vostro motore e trasmissione al momento del rimessaggio e del varo.

Seguendo questi consigli, il vostro motore non solo funzionerà con maggior affidabilità  ed economicità, minor consumo di carburante e minor rischio di guasti imprevisti, ma farà si che la vostra vita sul mare sia  ancora più  sicura.

Molti di questi lavori potranno essere svolti direttamente da voi stessi, ma tuttavia  riteniamo giusto ricordarvi che, sebbene sia sempre apprezzabile una buona conoscenza dei lavori da eseguire e sebbene sia apprezzabile il “Fai da te”, molti lavori, proprio per la loro  complessità dovranno essere affidati, naturalmente, alle officine  autorizzate in quanto richiedono manodopera specializzata e attrezzature specifiche.

Ricordatevi inoltre di utilizzare o di pretendere l’utilizzo solo di  parti di ricambio originali. In questo modo sarete sicuri che le parti da voi utilizzate per la manutenzione della vostra imbarcazione siano sempre di qualita’ corretta e perfettamente adattabili.

 

Analizziamo ora punto per punto le varie operazioni per la corretta manutenzione dei nostri Motori.

 

CAMBIO OLIO E FILTRO OLIO

Sostituite l’olio motore e il filtro dell’olio ogni 100 ore circa di funzionamento, o comunque una volta per stagione. Un filtro olio nuovo rimuovera’ residui carboniosi e particelle metalliche dall’olio impedendo dannosi logorii del motore.

 

CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO

Ricordatevi sempre che una regolare manutenzione del circuito di raffreddamento e’ la via maestra per evitare danni dovuti al surriscaldamento. E’ inoltre importante proteggere il circuito di raffreddamento durante il periodo del rimessaggio onde evitare danni dovuti al gelo e alla corrosione.

N.B. E’ sempre bene effettuare i lavori sul circuito di raffreddamento a terra. Evitando così il rischio che l’acqua entri nella barca .

 

Ecco cosa fare nel caso di trattamento protettivo per motori raffreddati ad acqua marina

 

Durante il rimessaggio, l’acqua deve essere innanzitutto  drenata dal motore e dall’invertitore.

Scollegate per tanto  la linea di aspirazione dalla parte interna della piastra, o dall’invertitore. Immergete quindi il tubo di aspirazione in un recipiente contenente acqua dolce ed assicurate l’afflusso d’acqua al contenitore. A questo punto   avviate e tenete in moto il motore in folle sino a che l’acqua sia calda abbastanza da far aprire il termostato.

E’ importante che il motore giri per qualche tempo in modo da espellere dal circuito fanghi e sale che causerebbero la formazione della ruggine. Terminate queste operazioni, spegnete poi il motore. Inserite ora il tubo di aspirazione in una soluzione di acqua e antigelo e lasciate circolare il liquido per qualche istante senza lasciare che il secchio si vuoti.

Spegnete il motore e ricollegate il tubo di aspirazione.

Dopo le operazioni di protezione smontate il coperchio della pompa e rimuovete la girante. Lavatela bene e riponetela in un sacchetto di plastica chiuso ermeticamente, durante tutto il rimessaggio.

 

N.B. Lasciate il liquido nel sistema di raffreddamento, esso garantirà una efficace protezione contro il gelo e la corrosione.

Se montato sulla vostra imbarcazione, controllate e pulite il filtro dell’acqua di mare.

Seguite la stessa procedura sopra descritta, ma svuotate completamente il sistema di raffreddamento, in quanto il liquido non offre alcuna protezione contro il gelo.

Ricordatevi infine sempre dell’ambiente; raccogliete tutto l’olio, antigelo, solvente, vernice, ecc., e riempite gli appositi contenitori.

Prima di varare l’imbarcazione, ricordatevi di controllare che tutti i tappi e rubinetti di drenaggio siano perfettamente chiusi.

 

N.B. Alcuni motori hanno tappi con anodi di zinco che fungono da anodi sacrificali all’interno del circuito di raffreddamento. Un anodo deve essere sostituito quando è consumato oltre il 50%. 

 

Ecco cosa fare nel caso di trattamento protettivo per motori raffreddati ad acqua dolce.

Ricordatevi innanzitutto che questi motori hanno due circuiti separati di raffreddamento. Il blocco cilindri e la testata sono raffreddati ad acqua dolce. Il gomito di scarico, il refrigerante dell’olio e lo scambiatore di calore sono raffreddati ad acqua di mare ed il trattamento va eseguito come per i motori raffreddati a sola acqua di mare.

Durante il rimessaggio controllate il punto di congelamento dell’antigelo con l’apposito strumento e rabboccate il sistema di raffreddamento se necessario. Il glicole perde le sue capacità protettive con il tempo per cui deve essere cambiato ogni anno.

 

N.B. Evitate di miscelare diversi tipi di antigelo, perchè così si diminuiscono drasticamente le qualità protettive alla corrosione.

 

Non miscelare l’antigelo con altri additivi. Controllate e pulite il filtro dell’acqua di mare se montato. Proteggete la parte del vostro motore raffreddata ad acqua di mare come descritto precedentemente.

Al momento del varo, ricordatevi di controllare il livello dell’acqua dolce nel circuito di raffreddamento e siate sicuri che tutti i tappi e rubinetti di drenaggio siano chiusi.

 

N.B. Alcuni motori hanno tappi con anodi di zinco che fungono da anodi sacrificali all’interno del circuito di raffreddamento. Un anodo deve essere sostituito quando e’ consumato oltre il 50%.

 

TERMOSTATO

Se sul  vostro pannello strumenti è presente un termostato, controllate che il motore funzioni alla corretta temperatura.

Temperature eccessive sono spesso causate da blocchi nell’entrata del liquido refrigerante nei condotti di raffreddamento, nello scambiatore di calore o da una girante difettosa. Una temperatura troppo bassa e’ solitamente causata da un termostato difettoso.

Durante il rimessaggio, controllate il funzionamento del termostato smontandolo e immergendolo, unitamente a un normale termometro, in una pentola d’acqua. Controllate che, riscaldando l’acqua, il termostato apra alla temperatura indicata sul manuale di istruzioni.  In caso contrario sostituitelo.

Please reload

Post Recenti

October 15, 2019

May 7, 2019

Please reload

Cerca per argomenti
Search By Tags